LA GROTTA DEI CERVI

Pubblicato da Cortellenica il

Si trova a Porto Badisco ed è conosciuta anche come la Grotta di Enea, in base alla leggenda secondo la quale proprio su queste coste, avvenne lo sbarco di Enea in fuga da Troia.

Anche in questo caso vi ritroverete di fronte ad uno dei più imponenti monumenti per quanto riguarda l’arte pittorica rupestre. Al suo interno ci sono oltre tremila pittogrammi che rappresentano scene di danza, di caccia, figure geometriche e sciamani.

Disegni che si sono conservati nel tempo proprio grazie alla chiusura ermetica della grotta, per questo motivo infatti, non è possibile accedere al suo interno, almeno per il momento.

“Se bb’è ssuta la sacàra iti truvàtu l’ acchiatura!”

È legata ad un aneddoto la grande scoperta della Grotta dei Cervi di Porto Badisco, un frazione di Otranto, raccontato dagli stessi speleologi di quella spedizione. Uno di loro sentì il bisogno di appartarsi e in quegli attimi di solitudine notò una strana aria fresca provenire da un pertugio nella roccia. La sua deformazione professionale lo portò ad incuriosirsi e a scavare: saltò fuori una vipera che lo fece trasalire. E non sarebbe stato affatto strano se, proprio in quel momento, di lì fosse passata una vecchietta (non stupitevene, il Salento è terra di macàre e di folletti) e avesse esclamato: “Se bb’è ssuta la sacàra iti truvàtu l’ acchiatura!” ovvero “se è uscita una vipera avete trovato il tesoro!”.

.

Come raggiungere la grotta dei cervi

Cortellenica:
Categorie: GROTTE

0 commenti

Lascia un commento