Villa De Benedittis

Pubblicato da Cortellenica il

Villa De Benedittis (già Villa Cristina dei Personé)

Realizzata tra il 1920-30 è una delle massime espressioni dello stile eclettico che caratterizza gran parte delle ville sorte all’inizio del’900. Il suo scenografico prospetto è una sintesi di elementi manieristi, decorazioni orientaleggianti in cui domina la linea curva come nelle due suggestive scalinate che confluiscono verso la loggia con trifora. Evidente lo stile moresco delle finestre del primo piano.

Progettata per l’avv. Francesco Paolo Personè dall’ing. Generoso de Maglie  tra il 1920 e il 1930 è una delle massime espressioni dello stile eclettico che caratterizza gran parte delle ville sorte all’inizio del’900 e per combinazione di stili la più scenografica tra le ville delle Cenate.

Il suo scenografico prospetto è una sintesi di elementi manieristi, decorazioni orientaleggianti in cui  domina la linea curva come nelle due suggestive scalinate che confluiscono verso la loggia con trifora arretrata. La zoccolatura del pian terreno è forata da ampi archi moreschi e molto originale il torrino angolare del prospetto laterale. Evidente lo stile moresco delle finestre del primo piano che richiamano uno stile squisitamente arabeggiante.

Anche questa villa, come accadde per le altre, (villa Saetta, Villa Venturi, Villa Muci…) alla fine del secondo conflitto mondiale fu requisita per offrire ospitalità ai tanti profughi ebrei che qui stanziarono in attesa dell’esodo verso la terra promessa.

Cortellenica:
Categorie: PALAZZI STORICI

0 commenti

Lascia un commento